Eyewear

Bio-ispirata e confortevole, una nuova lente a contatto per tutti gli over 40

Posted on
bausch-lomb_blog_platform

22 milioni di persone. È questo l’impressionante numero delle persone che, in Italia, soffrono di presbiopia. Si tratta, secondo le stime, del 41% degli ultraquarantenni e del 53% degli ultracinquantenni. Ma l’aspetto ancora più rilevante è che molti di loro non sanno che per vedere meglio basterebbe indossare un paio di lenti a contatto.

Secondo le stime – dichiara Andrea Croce, Head of Business Unit Vision Care di Bausch + Lomb – ognuno di noi passa 10,5 ore al giorno davanti a smartphone, pc, tablet o altri dispositivi digitali. E tra i protagonisti di questa era non ci sono solo i giovani, ma anche gli over 40. Ed è proprio per venire incontro alla loro esigenza di vedere meglio che abbiamo creato Biotrue® ONEday for Presbyopia, le lenti a contatto giornaliere per la correzione della presbiopia che offrono una visione ottimale a tutte le distanze, confortevole in ogni situazione e, soprattutto, per tutto l’arco della giornata.

Può succedere – continua Andrea Croce di Bausch + Lomb – che a fine giornata, dopo aver passato molte ore di fronte ad uno schermo i nostri occhi siano affaticati e la nostra vista si appanni. E’ stato calcolato, infatti, che in questi soggetti diminuisce fortemente il numero di ammiccamenti al minuto e di conseguenza l’idratazione dell’occhio. Nei portatori di lenti contatto poi, provoca una alterazione della forma delle lenti e di conseguenza una minor nitidezza della messa a fuoco e delle immagini.

L’ultima innovazione di Bausch + Lomb, le lenti a contatto giornaliere per la correzione della Presbiopia, rappresenta una valida risposta alle esigenze dei presbiti, una soluzione più in linea con il loro stile di vita dinamico e in grado di liberarli dalla “schiavitù” degli occhiali da lettura. Queste lenti a contatto sono il nuovo traguardo raggiunto dalla ricerca bio-ispirata di Bausch + Lomb che ha scelto l’occhio umano come migliore modello esistente in natura”.

www.bausch.it

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *