Art

Con ‘Cross the Streets’, l’arte del quotidiano al Macro…

Posted on
cross the street

Gli artisti di strada sono entrati al museo MACRO di Via Nizza, a Roma e saranno in esposizione fino al primo ottobre 2017.

Con la mostra ‘Cross the Streets’, al Museo d’Arte Contemporanea, si espongono e si raccontano 40 anni di ‘Storie’ della Street Art.

Sono presenti opere dei più importanti artisti che hanno segnato le tappe fondamentali di questo filone a livello internazionale e nazionale e che rappresentano i momenti più interessanti e significativi di un fenomeno di controcultura, un movimento nato come protesta giovanile e arrivato ad influenzare moda, cinema, pubblicità, fotografia, portando l’arte nel quotidiano.

Storie di Street Art come insieme di discipline, tecniche, esperienze completamente diverse tra loro. In un certo senso questa mostra tenta di sistemizzare una ‘giungla di microstorie’, cercando di evocare “l’essenza di questo mondo composito attraverso una sorta di limbo tra l’arte di strada e l’arte contemporanea”.

Come annota il curatore, Paulo Lucas von Vacano, “La rivoluzione avviene quando la strada entra nel museo e il museo si trasferisce nella strada. Chi sopravvive alla strada governa il mondo!”

Dalla serata inaugurale a ritmo di rap e hip hop è chiara la volontà di favorire momenti di incontro e partecipazione attiva con il pubblico, saranno coinvolte realtà culturali e sociali, con particolare attenzione alle fasce più deboli, soprattutto agli anziani e ai bambini.

cross the street platform blog (7)

Oltre alla presentazione di libri, agli incontri sulla legalità e alle proiezioni a cura di Sky, infatti, sono previsti percorsi didattici con scuole e famiglie, anche in vista dell’estate, dedicate ai bambini e ai ragazzi rimasti in città.

Tra i primi appuntamenti quello del 20 Maggio, con una live performance dell’artista romano JBRock, classe ’79 che ha realizzato un raro esempio di art sharing durante l’evento speciale intitolato “The Moleskine Black Wall”: un muro, lungo 13 metri ed alto 2, disposto nel cortile del vecchio ingresso del museo, composto da 960 taccuini, quelli usati dai writers per preparare gli sketch dei loro lavori e chiamati appunto Black Book.

Dalle ore 10.30 alle 13.00, l’artista, una delle figure di spicco nel campo della poster e della stencil art, ha dipinto l’opera “MOLESKINE, il tuo UNIVERSO”.

“Scrivo sui muri da quando ho 12 anni e non ho mai smesso perché oggi come ieri, trovo che nella mia vita non ci sia cosa che mi faccia sentire meglio. Penso che per ogni essere umano ci sia un percorso da trovare già scritto nel proprio DNA. Credo che il difficile – nel viaggio della vita –  sia trovarlo per riconoscersi in esso e lottare per portarlo avanti, con passione e dedizione. Io come altri ho avuto la fortuna di trovarlo. Voi? Seguite il vostro istinto e la vostra passione, non fatevi ingannare da altre stronzate”.

cross the street platform blog (2)

Un taccuino, lungo13x2 metri di immaginario, con gli appunti di quello che ciascuno fermerà personalmente sul leggendario Moleskine, diventerà un’opera unica e condivisibile sotto gli occhi del pubblico, dei bambini e ragazzi presenti anche insieme all’Associazione ARTEinMENTE, che contribuisce con i suoi laboratori d’arte a curare nei giovani l’ADHD, il disturbo dell’attenzione. Un’occasione imperdibile per acquistare, nel bookshop del MACRO o sul sito www.dragolab.com in anteprima uno o più taccuini (che verranno consegnati a fine mostra, dopo il 10 ottobre 2017), contribuendo così concretamente a sostenere l’attività dell’associazione ARTEinMENTE e diventando, allo stesso tempo, uno degli “shared owner” dell’opera d’arte. Ciascun taccuino sarà infatti identificato da una TAG digitale Vericode che ne certificherà l’originalità e la proprietà per possibili riunioni in futuro dell’opera stessa nel mondo.

cross the street platform blog (8)

cross the street platform blog (6)

cross the street platform blog (5)

cross the street platform blog (4)

cross the street platform blog (3)

cross the street platform blog (1)

Patrizia Di Costanzo
Architetto, membro di giurie in concorsi nazionali sul design è anche curatrice di mostre e manifestazioni. Giornalista freelance, è docente di Design Management e Sociologia del consumo allo IED di Roma. Da sempre attenta ai cambiamenti dei gusti ed esigenze della società, ha collaborato come product manager, direttore commerciale e consulente nelle strategie di marketing creativo e comunicazione con diverse aziende italiane di design.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *