Design

Dalla collaborazione di Flos con Astep ritornano Le Sfere di Gino Sarfatti

Posted on

Il cielo come musa ispiratrice. Gino Sarfatti osservava spesso la luna piena, astro della notte, immaginando di riprodurne la forma e la luce per portarle poi all’interno delle case, dei luoghi di lavoro. Come una magia. Nel 1939 fondò Arteluce, che diresse fino al 1973 ma quel sogno continuava a ossessionarlo. La perfezione di quella qualità di illuminazione, unita alla perfezione di una figura geometrica come la sfera dovevano per forza concretizzarsi in un progetto reale, da condividere. E fu così che un giorno prese una lampada di vetro opalescente a forma di sfera, molto comune negli anni ’50 sia nelle abitazioni private sia negli uffici, e la trasformò in un sistema di illuminazione. La sua alchimia luminosa, composta a volte da diversi globi, riuscì perfettamente e la realtà si sovrappose all’immaginazione, trasmettendo poesia ed emozione.

 

Le Sfere di Gino Sarfatti exhibition at Palazzo Litta 2018_2

Non solo lampade, non solo luce, quindi. Forse Gino Sarfatti avrebbe voluto che Le Sfere rimanessero, come per incanto, sospese nell’aria, leggere e fluttuanti, ma poiché questo non era possibile, ideò un “abbraccio” simbolico di metallo per trattenerle, per proteggerle, riuscendo così a nascondere i cavi. Flos with Sarfatti, in collaborazione con Astep, fa rivivere ora queste icone dell’illuminazione contemporanea rimettendole in produzione. Esposte a Palazzo Litta durante il Fuorisalone, hanno dimostrato tutta la loro straordinaria atemporalità. E non è certo un caso che l’azienda danese Astep sia stata fondata nel 2014 proprio da Alessandro Sarfatti che, come il nonno Gino e il padre Riccardo, ha seguito quella irresistibile, affascinante scia di luce.
Flos with Sarfatti Collection – Astep – www.astep.design

Le Sfere di Gino Sarfatti exhibition at Palazzo Litta 2018_5

 

 

Related Post

Alessandra Albarello

Come ogni sagittario ho un’anima nomade, anzi randagia. Giornalista freelance e scrittrice, amo le sfide che affronto con coraggio e un po’ di incoscienza. Scrivo di molte cose, facendomi guidare dalla curiosità e dalle mie molteplici passioni. Mi piace raccontare storie e proporre visioni. La mia frase preferita è “Diventate ciò che volete diventare” (Nansen Osho).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *