Design

Contaminazioni di musica e design

Posted on

Si chiama “Zanin” il primo album di Margherita Zanin, la ventitreenne cantautrice savonese che a metà marzo di quest’anno ha esordito con il singolo Generale di De Gregori ottenendo riscontri molto positivi sia dal pubblico che dai media.

L’album – disponibile su tutti i Digital Store dal 26 maggio – contiene 8 brani: due in italiano e sei in inglese.
Questa scelta, come spiega Margherita: “non è un controsenso, ma una rappresentazione fedele di chi sono io oggi, del percorso che mi ha portata alla bella canzone italiana attraverso un background blues internazionale che mi ha permesso di crescere”.

Negli ultimi 4 anni, infatti, la cantautrice ha vissuto tra Londra e Savona ed è proprio a metà strada tra l’Inghilterra e l’Italia che è nato il suo primo album.
Distribuito da Platform Music, neonata etichetta indipendente milanese, l’album è prodotto da Roberto Costa, già produttore di importanti artisti come Barbarossa, Carboni, Dalla, Ron e Gli Stadio.
Piove, il primo singolo tratto dall’album, è una ballata originale in equilibrio tra la musica Soul e il Samba di Bahia.
L’innovazione e la contaminazione fra musica, creatività e design emergono dal videoclip del brano già a partire dalla scelta della location: una centrale idroelettrica dismessa dell’800 situata nel centro di Milano e futura sede della Casa del Design di ADI – Associazione per il Disegno Industriale – dove verrà allestita la mostra permanente della prestigiosa Collezione del Compasso d’Oro ADI, famosa in tutto il mondo.
Nel videoclip, Margherita – con un look anni 40 – canta davanti alla navicella OT, un’imponente e onirica struttura di acciaio, e gioca con la macchina da presa come se fosse uno specchio, duplicandosi e triplicandosi, in un montaggio serrato e variopinto. Il video è inoltre caratterizzato da apparizioni e sparizioni di una piccola band, apparentemente estranea, in un’atmosfera surreale.

O_AlessandroGuerriero_MDW2016_2

Altra particolarità del tutto innovativa riguarda la scenografia davvero inusuale del videoclip: la navicella OT e gli oggetti di scena sono infatti stati disegnati da Alessandro Guerriero, famoso e istrionico designer a cui piace “cambiare le regole”. Il Maestro Guerriero le cambia, infatti, da oltre trent’anni, da quando nel 1976 fondò Alchimia, il gruppo di designer che diede faccia e idee alla post-avanguardia italiana. La realizzazione delle strutture è invece opera di una giovane e innovativa azienda pugliese, Officine Tamborrino (OT), che dal 2012 produce complementi di design in metallo e, in poco tempo, ha conquistato un posto di grande rilievo nel mondo del design italiano.
Regia d’autore, infine, per il videoclip di “Piove”: Gabriele e Ambrogio Lo Giudice; quest’ultimo, fondatore della Filmaster Clip della Futura Film, ha lavorato con artisti italiani come Vasco Rossi, Lucio Dalla, Laura Pausini, Luca Carboni e Jovanotti.
Un esordio all’insegna della qualità e dell’innovazione, sotto tutti i punti di vista.

O_DESIGN_COLLECTION_2

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *