Architecture

Here comes the Diva!

Posted on

Il Gruppo Fontanot, azienda leader europea nel settore delle scale da ormai più di 70 anni, ha presentato – presso lo Spazio Arena Listone Giordano a Milano – un nuovo prodotto che combina lusso e modularità, tecnologia e tradizione: Diva. Si tratta di una scala unica, che rappresenta un ulteriore salto di qualità nella costante ricerca nell’eccellenza. Come una vera diva, questa scala, ideata da Michele Giacomelli, seduce fin da subito.
Una scala completamente personalizzabile: è infatti la prima scala modulare che sposta il meccanismo di regolazione dei cosciali laterali, inventando così una nuova linea ed aprendo una nicchia di mercato che ancora non esisteva. Diva permette un’innovativa flessibilità dei meccanismi di regolazione, un’ampia combinazione dei colori e l’intercambiabilità dei materiali differenti come vetro, legno, acciaio Inox e marmo. Si tratta quindi di una vera e propria scala camaleontica che si integra con carattere nello spazio.

Laura Fontanot, Vice-Presidente del brand, racconta: “Una scala senza limiti, glamour o basic, a seconda delle esigenze. Questo è Diva. Capace di catturare al primo sguardo, produrre, in modo del tutto inspiegabile e imprevedibile, emozioni e stati d’animo molteplici, qualcosa che non riusciamo a definire in modo preciso e che tuttavia ci coinvolge, stimolando il nostro pensiero e sollecitando la nostra immaginazione progettuale”.

Va ancora più nel dettaglio Michele Giacomelli, ingegnere e progettista della scala. “Partendo dal concetto che qualsiasi forma può essere soddisfatta da un modulo, la sfida è stata quella di ragionare su un’unità singola che, se replicata, desse vita a un corpo unico rispettando la stessa identità di forma. Diva si differenzia dalle altre scale modulari perché esprime tutta l’identità di una scala su misura, risolvendo al contempo i diversi imprevisti che possono avvenire in cantiere. […] Risultato: prestazioni di una scala su misura, alta industrializzazione del prodotto e forte connotazione di design in un’unica identità”.
Come riassumere le straordinarie sfaccettature di questa Diva? È un prodotto innovativo ma fortemente ancorato alla tradizione, elegante ma anche versatile, di pregio ma con un’anima industriale e di design.

Cristina Bigliatti

Cristina Bigliatti

«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d'Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c'è niente che riguarda l'arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

More Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *