Architecture

I NIDI ITINERANTI DI MIGRANT GARDEN

Posted on
_DSC6354

SPAZIOFMG PER L‘ARCHITETTURA ha inaugurato giovedì 15 ottobre l’edizione milanese della mostra itinerante Migrant Garden. Untouchable Landscapes.

Sette giovani architetti hanno intrapreso un ambizioso percorso, chiedendo a 40 architetti e designer internazionali di interpretare il concetto della casa e del domestico, a seconda della loro personale visione. In riferimento alle problematiche delle migrazioni dei volatili dall’isola de Pinedo (PC), la casetta per uccelli diventa la metafora del nomadismo. Indagando questo ambito dell’abitare contemporaneo, la mostra ha quindi lo scopo di promuovere una cultura architettonica attenta al paesaggio e alla salvaguardia dell’ambiente.

Questo progetto – a metà strada tra il mondo dell’arte e quello dell’architettura – presenta così 40 model houses realizzate da nomi del calibro di Rudy Ricciotti, Michele De Lucchi, MVRDV, Bureau A, Francesco Librizzi e Bernard Khoury.

_DSC6475

Luca Molinari, responsabile scientifico e curatore di SPAZIOFMG PER L’ARCHITETTURA, definisce Migrant Garden una mostra inclusiva, interdisciplinare e corale capace di affrontare un tema attuale come quello dello spazio domestico – contestualizzato in un momento storico di grandi migrazioni – arricchendolo di 40 sfumature uniche.

L’esposizione è aperta al pubblico fino al 20 novembre, presso lo spazio di via Bergognone 27, Milano.
Maggiori informazioni su www.migrantgarden.com

_DSC6470

Cristina Bigliatti
«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d'Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c'è niente che riguarda l'arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *