Design

Il lusso è di casa

Posted on
Il lusso è di casa

Sotto la direzione artistica di Massimo Castagna, Henge esprime la propria visione contemporanea dell’artigianalità.
Dal laboratorio manifatturiero Henge sono nate nuove finiture, che arricchiscono l’ampia gamma disponibile. Tra gli arredi esposti al Salone Internazionale del Mobile, il nuovo tavolo Saetta racchiude perfettamente il lavoro di sperimentazione dell’azienda: il top di forma rettangolare è realizzato nella nuova pietra Silver Brown wave soft, mentre le gambe sono in finitura Bronze sand casting. Attorno ad esso, tre esemplari delle nuove Extra Chair rivestite in camoscio e in pregiato nabuck.
Nella zona dining, il nuovo Cabinet Palazzi, una madia free-standing in legno di eucalipto nero e ottone brunito realizzato con tecniche tradizionali, espressione pura dello stile ricercato del brand. Infine la Bistrot S, libreria componibile con moduli congiunti e divisori verticali sfaccettati.

Il lusso è di casa

A illuminare gli spazi sono le tre principali proposte lighting di Henge. La Tape Light, un corpo illuminante componibile a LED, realizzato con dinamici nastri in ottone brunito intrecciati; la cascata tubolare Air Light in vetro di Murano color canna di fucile con struttura in acciaio brunito nero; e la nuova composizione luminosa Polygonal, composta da profili pentagonali ed esagonali sospesi.
Qui il lusso si allontana dall’impeccabilità seriale delle produzioni industriali e si orienta invece all’unicità della materia e della forma.

Il lusso è di casa

Cristina Bigliatti
«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d’Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c’è niente che riguarda l’arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *