Architecture

La grammatica della linea

Posted on

Avete tempo fino al 29 aprile per visitare la mostra La grammatica della linea. Mario Gottardi architetto e designer, aperta al pubblico presso lo spazio IDEA4MI di Milano. Presentata in concomitanza con la Milan Design Week 2018, l’esposizione è nata dalla volontà del figlio Giorgio ed è stata curata da Caterina Corni, con l’art direction dell’architetto Paola Maria Gianotti.
Mario Gottardi, figura forse poco conosciuta ma molto prolifica sia come architetto che come interior designer, nasce a Venezia nel 1913, si laurea nel 1939 al Politecnico di Milano, ed opera prevalentemente in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, con delle incursioni internazionali.
Questa mostra è l’occasione per riscoprire un progettista eccezionale, che fa della misura la sua cifra stilistica: un equilibrio che non significa ripetitività, ma che applica il dominio della linea a una variegata gamma di soluzioni architettoniche e d’interni e che, partendo dagli stilemi razionalisti da cui è chiaramente influenzato, li reinterpreta e li ri-attualizza.

La grammatica della linea

Insieme a foto, bozzetti e testimonianze d’epoca della vasta produzione di Gottardi, la mostra è anche l’occasione per attualizzare il suo lavoro, presentando tre complementi d’arredo, che portano la sua firma, interpretati in chiave contemporanea. Questi prototipi progettati da Gottardi, saranno poi commercializzati nel 2019: si tratta di tre complementi d’arredo degli anni ’50 – una poltrona, una sedia e un tavolino – che sono stati ribattezzati con i nomi delle donne di casa Gottardi, ovvero Michaela, la moglie; Maria Grazia, la figlia; Chiara, la nipote. Dal punto di vista progettuale, sono rimasti intatti nella perfetta simbiosi tra forma e funzione e mantengono la purezza del disegno e la sobrietà della linea, su cui è innestata la cultura pop contemporanea nei rivestimenti.
Nel 2018, inoltre, è iniziato anche un lavoro di catalogazione dell’archivio di Mario Gottardi, che verrà digitalizzato e sarà consultabile sul sito www.mariogottardiarchitetto.it.

La grammatica della linea La grammatica della linea La grammatica della linea

Related Post

Cristina Bigliatti

«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d’Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c’è niente che riguarda l’arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *