Design

La triplice MDW di Giorgetti

Posted on
La triplice MDW di Giorgetti

Con le sue collezioni di arredi e accessori, Giorgetti disegna lo spazio al Salone del Mobile di Milano e non solo. I progetti, firmati dai designer più acclamati della scena internazionale e realizzati in Italia dai maestri artigiani dell’azienda, sono stati presentati durante la design week milanese anche presso il Giorgetti Atelier di via Serbelloni e lo Store di via Durini. L’azienda ha lanciato la prima collezione per l’outdoor firmata da Chi Wing Lo e da Ludovica+Roberto Palomba.
Il Salone del mobile è stata anche l’occasione per presentare il secondo capitolo dell’iniziativa “Progetti 30”, ideata per celebrare i trent’anni della collezione Progetti. Progetti 30 si definisce in una serie di oggetti da collezionare, per rispondere con stile al desiderio di unicità.
Il tessile conquista un ruolo di rilievo nella visione abitativa dell’azienda anche grazie all’inedita collaborazione con Agnona, il brand di prêt-à-porter e di home textile specializzato nella lavorazione delle fibre nobili. Tre preziose proposte in Cashmere, Alpaca e Cammello rendono unica la camera da letto e vanno ad arricchire la collezione Giorgetti Atmosphere.

La triplice MDW di Giorgetti

Divani, poltrone, tavoli, letti, scelti fra le novità di prodotto e le collezioni iconiche, raccontano la storia dell’azienda che dal 1898 propone soluzioni d’arredo progettate per durare nel tempo.
L’idea abitativa definita da Giorgetti è presentata in fiera attraverso una scenografica struttura architettonica realizzata con un sistema di elastici neri. All’interno, la matericità dei tessuti scelti nei toni neutri è protagonista degli ambienti. Gli spazi del Giorgetti Atelier di via Serbelloni e dello Store di via Durini diventano il palcoscenico su cui va in scena il lifestyle firmato Giorgetti: le stanze definiscono un percorso in cui design, stile e architettura si confrontano per rivelare le potenzialità del brand.
Il mondo Giorgetti ha presentato così al pubblico i nuovi progetti firmati da Carlo Colombo, Roberto Lazzeroni, Umberto Asnago, Massimo Scolari, Chi Wing Lo, Ludovica+Roberto Palomba e Rossella Pugliatti, oltre ad una proposta interpretata da Pamela Amine – allieva dell’Istituto Marangoni – che dimostra l’impegno dell’azienda nell’attività di scouting di nuovi talenti.
Per maggiori informazioni visitate il sito www.giorgetti.eu.

La triplice MDW di Giorgetti

Cristina Bigliatti
«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d’Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c’è niente che riguarda l’arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *