Architecture

L’empatia Creativa di Mario Cucinella

Posted on
lempatia-creativa-di-mario-cucinella-2

È stata inaugurata la mostra Empatia Creativa. Milano metropolitana: cinque cantieri di Mario Cucinella Architects. Promossa dallo studio bolognese in partnership con la Triennale, l’esposizione racconta i cinque interventi in corso nel capoluogo lombardo, pensati in chiave sostenibile e destinati a cambiare lo skyline della città metropolitana. Cinque storie, cinque committenti, cinque progetti firmati dallo studio internazionale di architettura Mario Cucinella Architects che vuole presentare un’idea per la Milano del futuro, una metropoli che cresce in sintonia con le esigenze dei cittadini e in armonia con la natura.

lempatia-creativa-di-mario-cucinella-3

I progetti in mostra comprendono due sedi aziendali – il nuovo Centro Direzionale Gruppo Unipol e la sede Coima – entrambi nell’area di Porta Nuova; due ospedali – la Città della Salute e della Ricerca a Sesto San Giovanni e il progetto per il Nuovo Polo Chirurgico e delle Urgenze per l’Ospedale San Raffaele – ed infine il Museo per l’Arte, realizzato all’interno di un palazzo privato in Corso Venezia.
A completare la mostra tre talk aperti al pubblico e organizzati durante le cinque settimane di esposizione in corso, con l’obiettivo di riflettere, insieme a ospiti istituzionali ed esperti, su argomenti specifici inerenti i progetti esposti: la cura e la salute, la frontiera digitale, il rapporto tra pubblico e privato nella sfera culturale, i nuovi soggetti destinati ad attivare in futuro operazioni di rigenerazione urbana.
Maggiori informazioni sulla mostra sono consultabili sul sito della Triennale.

lempatia-creativa-di-mario-cucinella

Cristina Bigliatti
«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d'Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c'è niente che riguarda l'arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *