Eyewear

L’occhiale detta tendenza

Posted on
Mido 2016 | Platform Optic

Si è appena chiusa la 46esima edizione di MIDO, la più importante fiera a livello mondiale dell’ottica e dell’occhiale. Crocevia tra design, moda, tecnologia ed innovazione, ci ha stupiti ancora una volta per l’eleganza dell’esposizione predominata da un raffinato gusto architettonico, dalla cura dei dettagli e da un’offerta merceologica assolutamente completa.

Quest’anno ha prevalso l’attenzione per il “nuovo”: abbiamo visto occhiali in materiali inediti, lavorazioni e dettagli frutto di un’accurata ricerca tecnologica, forme che strizzavano l’occhio al passato ma si vestivano di una nuova allure, collezioni che rispecchiavano perfettamente il mood del marchio, materiali per il punto vendita capaci di attirare l’attenzione del consumatore finale…

Mido 2016 | Platform Optic

La sezione Design Lab ha conquistato tutti con i suoi occhiali all’avanguardia: dislocata su oltre tremila metri quadrati, è stato il luogo in cui siamo stati travolti da una creatività che parlava lingue differenti, che giocava con forme e materiali, che raccontava non solo il presente dell’occhiale, ma anche il suo futuro, fatto di contaminazioni tra novità e tendenze.
In linea con questo mood, MIDO ha introdotto un’importante novità: l’area More!. Qui abbiamo trovato le tendenze e il futuro del mondo dell’eyewear, incontrato i più audaci creatori di “occhiali artigianali”.

Al suo interno è ritornata per il secondo anno consecutivo la Lab Academy, lo spazio avanguardistico riservato ai giovani designer del mondo eyewear, creativi che amano pensare al di fuori dagli schemi con risultati che sorprendono gli occhi di chi li ammira.
MiDO ha colpito nel segno (anche a livello di visitatori che sono arrivati a oltre 52mila, segnando un +7 rispetto all’edizione 2015) e si è tenuto ben stretto il primato mondiale tra le fiere di settore. E anche se non avesse registrato un così importante record di presenze, avrebbe vinto comunque per eleganza e creatività.

Mido 2016 | Platform Optic

Mido 2016 | Platform Optic

Paola Ferrario
Desperate mother di una biondina e di un ricciolino, schizzo da una parte all’altra di Milano in sella alla mia super bicicletta. Quando scendo scrivo, nuoto, leggo, viaggio, porto a spasso la mia cagnolona, coccolo il mio gatto e nutro la mia tartaruga (che poi è un maschio). Ho due sogni nel cassetto: intervistare Isabel Allende e scrivere un libro. Prima o poi li realizzerò, nel frattempo faccio la giornalista e la blogger.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *