Design

minotticucine inaugura una nuova età del bronzo e guarda verso la via della seta…

Posted on

E’ innegabile che il designer Claudio Silvestrin ami le sfide, inoltrandosi in percorsi materici mai battuti prima dal mondo delle cucine. In realtà la nuova versione di Terra in bronzo fuso riporta immediatamente a un concetto naturale, quasi primordiale. Il fuoco. L’inizio di tutto.
Le origini. Proprio come se fosse sempre esistita. D’altra parte Claudio Silvestrin ha un’idea molto personale del tempo: “Non credo in un tempo unico, abbiamo vissuto tante vite”. E’ anche per questo che la sua visione del design l’ha portato a non fare mai compromessi e a considerare ogni progetto prezioso. E, a proposito di visioni, considera “le fondamenta da cui nascono le visioni più importanti delle visioni stesse”.
Ci vuole circa un mese per realizzare questa cucina che, per essere forgiata, comporta abilità e saperi artigianali d’eccellenza, trasferiti in pezzi unici come opere d’arte, dove le imperfezioni della materia diventano un valore aggiunto. Senza dimenticare il ruolo fondamentale dei tecnici nel ricreare nuovi equilibri e risolvere problematiche legate alla trasposizione di una lavorazione da un contesto a un altro, nel rispetto di tutti i criteri funzionali. Pur rimanendo fedele alla pietra, minotticucine prosegue la sua esplorazione e sperimentazione di altri materiali, utilizzando per il nuovo modello Seta, creato dal designer Alberto Minotti, due lastre sottilissime ed estremamente resistenti di vetro che racchiudono una preziosa anima di seta. L’orientamento della venatura della pietra è stato poi definito per eliminare la fuga e fare da contraltare alla trama del tessuto. Perché, anche in cucina, sono i dettagli a fare la differenza.

Showroom minotticucinemilano – via larga 4 – 16-22 aprile: apertura fino alle 22.00
www.minotticucine.it

 

minottiucucine_terra_bronze_design_claudio_silvestrin_01

 
minottiucucine_terra_bronze_design_claudio_silvestrin_03

Alessandra Albarello

Come ogni sagittario ho un’anima nomade, anzi randagia. Giornalista freelance e scrittrice, amo le sfide che affronto con coraggio e un po’ di incoscienza. Scrivo di molte cose, facendomi guidare dalla curiosità e dalle mie molteplici passioni. Mi piace raccontare storie e proporre visioni. La mia frase preferita è “Diventate ciò che volete diventare” (Nansen Osho).

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *