Photography

Nuova mostra fotografica Architextures da Altavia Open

Posted on

Verrà inaugurata domani, 5 dicembre, alle 18.30 la mostra fotografica Architextures di Andrea Rovatti. Ospitata nel nuovo spazio Altavia Open dedicato alle immagini e non solo, la mostra fonde fotografia e grafica.

Trasfigurazione e movimento sono le parole chiave dell’opera di Andrea Rovatti, nel cui lavoro convivono costantemente fotografia e grafica, con un risultato inedito nell’ambito dell’arte fotografica. Per Denis Curti, critico della fotografia “L’opera dell’autore si esprime nell’immensità di un mosaico visivo ed emozionale. Sono momenti di vita reale che si mischiano volentieri con la finzione, esperienze che s’incontrano in uno spazio condiviso tra prospettive e contraddizioni”. Sono queste, le emozioni legate ai luoghi, che Rovatti riesce a esprimere con le sue immagini vere ma irreali.

“Nelle mie immagini opero una sorta di metamorfosi: attraverso la ripetizione genero forme e prospettive inedite che, pur mantenendo un contatto con lo scatto originario, ci portano in una dimensione quasi onirica”, dice l’autore.

Altavia Open è uno spazio aperto a nuovi incontri tra persone, a immagini, parole e culture. “Siamo “open” perché il benessere sociale e lo stare bene di ciascuno sono due facce della stessa medaglia” dice Paolo Mamo, Ceo di Altavia Italia “perché l’innovazione che ci piace favorisce la creazione di comunità accoglienti, di quartieri capaci di rigenerare abitudini virtuose. Intorno ai nostri uffici, abbiamo realizzato una rete di spazi che si rivolgono verso la città e che invitano le persone ad avvicinarci per condividere insieme a noi esperienze piacevoli, di valore artistico e sociale: una mostra, una presentazione, un concerto, un film, un aperitivo.”

La mostra rimarrà aperta fino al 24 gennaio 2019.

Related Post

Daniela Garbillo

Vado sempre diretta al punto e non mi piacciono i giri parole. Scrivere è il mio mestiere, ma ho una “doppia vita”: insegno yoga, pilates, acquafitness e corro appena mi cade la penna. What else?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *