Design

Radiatore o origami?

Posted on
Tubes_Origami_1

L’Origami, ossia l’arte di piegare la carta per dare vita ad figure di fantasia, oggetti, animali, etc., è stata la fonte di ispirazione per l’omonimo calorifero disegnato da Alberto Meda per Tubes Radiatori.

Origami è un virtuoso esercizio di design e tecnologia anche per un neofita del design perché, grazie al fatto di essere estensibile e ripiegabile come un paravento, si trasforma in un oggetto d’arredamento, in grado di dialogare con lo spazio in cui viene installato. Questo radiatore elettrico plug & play affianca quindi alle funzioni proprie o accessorie la possibilità di separare due ambienti, di preservare la privacy, di amplificare un’atmosfera di riservatezza, aumentando la sensazione di benessere.

E se arriva a conquistare un neofita, la probabilità che affascini gli esperti di design è altissima. Non a caso Origami ha vinto il Red Dot Design Award 2017 grazie alla scelta di una giuria composta da 40 esperti internazionali che, con criteri di valutazione quali l’innovazione, la funzionalità, la qualità e l’attenzione all’ecologia, concede il marchio di qualità Red Dot solo ai prodotti che si distinguono per queste caratteristiche. La cerimonia di premiazione per il Product Design 2017 si terrà lunedì 3 luglio 2017 a Essen presso l’Aalto‐Theater e il Red Dot Design Museum.

Ma non finisce qui. Inoltre questo originale radiatore elettrico è stato insignito anche di altri premi quali il Salone del Mobile.Milano Award 2016, l’Archiproducts Design Award 2016, il Good Design Award 2016 e il Design Plus Award Powered by ISH 2017. What else?

Tubes_Origami_6Tubes_Origami_14Tubes_Origami_14

Paola Ferrario
Desperate mother di una biondina e di un ricciolino, schizzo da una parte all’altra di Milano in sella alla mia super bicicletta. Quando scendo scrivo, nuoto, leggo, viaggio, porto a spasso la mia cagnolona, coccolo il mio gatto e nutro la mia tartaruga (che poi è un maschio). Ho due sogni nel cassetto: intervistare Isabel Allende e scrivere un libro. Prima o poi li realizzerò, nel frattempo faccio la giornalista e la blogger.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *