Photography

I “relitti” e i paesaggi industriali di Francesca Piqueras

Posted on
Piqueras - platform architecture and design (3)

Da sabato 28 ottobre fino al 26 novembre le sale del Palazzo Ducale di Massa (Ms) ospitano la mostra di Francesca Piqueras dal titolo “Paesaggio dell’umanità”, sesta mostra del ciclo “Art Now” sulla comunicazione dell’arte contemporanea, promossa dal Comune di Massa con la direzione artistica di Mauro Daniele Lucchesi dell’Associazione Quattro Coronati.

 

Piqueras - platform architecture and design (2)

 

Sono 25 le immagini di grande formato che riassumono il percorso creativo di questa artista e fotografa che concentra la sua ricerca tra mare, cielo, metallo e ruggine fotografando relitti di navi abbandonate nei luoghi più remoti, piattaforme petrolifere, vecchie strutture industriali e militari. Un caos di strutture metalli, coaguli marroni espulsi da un’umanità febbrile, violata dal mare e dal tempo, esiliato dal vivente. Cumuli sgualciti da tempeste, giganti caduti vinti dall’oblio, le loro carcasse macchiano l’oceano, la sabbia, nel silenzio e nel vento. Testimoni ispirati a una deriva dell’umanità, i “ relitti” di Francesca Piqueras si impongono come una parabola delle forze in movimento: l’invenzione dell’uomo contro l’inevitabile distruzione.

Lo scopo non è di denunciare, piuttosto di raccontare la follia umana, i suoi paradossi e le sue contraddizioni. Tempo, ruggine, degrado reinventano queste architetture e poeticamente scolpiscono e riscrivono la storia umana. La nostra storia.

 

Piqueras - platform architecture and design (1)

La mostra sarà aperta ad ingresso libero dal 28 ottobre al 26 novembre a Palazzo Ducale di Massa (Ms), splendido palazzo tardo rinascimentale costruito dalla famiglia Cybo Malaspina, in Piazza Aranci 35, da martedì a sabato dalle ore 17 alle 20.

Annalisa Guerisoli
Instagram addicted, appassionata di luoghi abbandonati, mi cibo di viaggi e di nutella. Astenersi fan dell’uncinetto e del cucito.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *