Architecture

#SOSBrutalism

Posted on
#SosBrutalisim, la campagna social per salvaguardare gli edifici brutalisti

Tra il 1960 e il 1970 prende vita il Brutalismo, una corrente architettonica caratterizzata  dalla rudezza del “cemento a vista”, il cosiddetto béton brut (dal francese cemento grezzo), le cui forme plastiche evidenziano con forza espressiva la struttura. I volumi  risultano accentuati, forma e materia si modellano  in un linguaggio di vigore architettonico.

Forme pure e cemento armato sono le caratteristiche di questo movimento che negli ultimi anni smuove migliaia di appassionati che si ritrovano sui social  per condividere immagini e link  di quest’estetica. Tra questi c’è anche chi ha creato una campagna online per salvaguardarli.

#SosBrutalisim, la campagna social per salvaguardare gli edifici brutalisti

#SOSBrutalism è un database  online che attualmente contiene oltre 700 edifici brutalisti. Si tratta di una piattaforma per una grande campagna per salvare queste strutture in cemento armato. Nel database vengo catalogati gli edifici per status: da quelli ancora sani a quelli già demoliti o in pericolo di demolizione.

#SOSBrutalism è un’iniziativa senza precedenti, non solo per il grandissimo team che c’è dietro al database ma anche per la possibilità di aiutare nella catalogazione attraverso la condivisione sui social grazie all’uso dell’hashtag #SOSBrutalism.

Per info http://www.sosbrutalism.org/

Una foto pubblicata da #SOSBrutalism (@sosbrutalism) in data:

Una foto pubblicata da #SOSBrutalism (@sosbrutalism) in data:

Una foto pubblicata da #SOSBrutalism (@sosbrutalism) in data:

Una foto pubblicata da #SOSBrutalism (@sosbrutalism) in data:

Annalisa Guerisoli
Instagram addicted, appassionata di luoghi abbandonati, mi cibo di viaggi e di nutella. Astenersi fan dell’uncinetto e del cucito.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *