Eyewear

Tiziano: la storia incontra l’eyewear

Posted on
dolpi

Il legno del leggendario “Faggio del Tiziano” si è trasformato in una limited edition di occhiali.

Lo storytelling è un elemento fondamentale in tutti i prodotti. E la storia legata all’occhiale in legno Tiziano profuma di storia, arte e tradizione. Si narra infatti che il pittore Tiziano durante le sue passeggiate si fermasse a riposare sotto le fronde di un grande faggio. L’albero secolare, da sempre conosciuto come il “Faggio di Tiziano” e simbolo di 500 anni di storia del Cadore, fu abbattuto da un fulmine nel 2012. Da quell’evento naturale e dall’esperienza Dolpi – produttore del primo occhiale al mondo realizzato con il legno delle Dolomiti (patrimonio UNESCO) secondo lo schema di certificazione PEFC – è nata la collezione Tiziano prodotta dall’essenza di quel prezioso albero in edizione limitata (solo 200 pezzi).

Dietro la collezione c’è la “penna” del designer Lucio Stramare che è riuscito a creare un occhiale leggero e comodo (pesa infatti solo 20 grammi). Degna di nota è la scelta dell’inserto di legno color rosso Tiziano che percorre le aste fino al terminale in acetato dove è riportato il nome del modello e il numero di serie del pezzo. Un dettaglio che collega per sempre il legno di ‘quell’albero’ al colore che ha contraddistinto Tiziano nell’arte pittorica e nell’estetica del colore.

All’inizio di febbraio, il numero 1/200 della produzione limitata è stato donato al Museo dell’Occhiale di Pieve di Cadore, di modo che il Faggio, il Tiziano e la leggenda restino dove sono nati.

dolpi albero_DSC5210 _DSC5790

Paola Ferrario
Desperate mother di una biondina e di un ricciolino, schizzo da una parte all’altra di Milano in sella alla mia super bicicletta. Quando scendo scrivo, nuoto, leggo, viaggio, porto a spasso la mia cagnolona, coccolo il mio gatto e nutro la mia tartaruga (che poi è un maschio). Ho due sogni nel cassetto: intervistare Isabel Allende e scrivere un libro. Prima o poi li realizzerò, nel frattempo faccio la giornalista e la blogger.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *