Architecture

Ugo La pietra a Foligno

Posted on
Ugo La pietra a Foligno

Presso il Centro Italiano Arte Contemporanea CIAC di Foligno, fino al 30 settembre 2018, è aperta al pubblico la mostra dedicata a Ugo La Pietra, Istruzioni per abitare la città. Opere e ricerche nell’ambiente urbano dal 1969 al 2017. Curata da Italo Tomassoni, Giacinto Di Pietrantonio e Giancarlo Partenzi, ripercorre i molteplici ambiti di indagine di La Pietra.
Architetto di formazione, artista, cineasta, editor, musicista, fumettista, docente, dal 1960 Ugo la Pietra si muove contemporaneamente nei territori dell’arte e del progetto. Lo spazio urbano viene costantemente preso in considerazione da La Pietra come struttura organizzata e luogo da cui germinano le sue pratiche progettuali artistiche e provocatorie.

Ugo La pietra a Foligno

Attraverso un centinaio di opere bidimensionali, alcuni brani video, oggetti tridimensionali e un’installazione, la mostra si sviluppa in un percorso ricco di suggestioni visive.
Al centro della mostra è installata inoltre una “Casa Aperta”, una struttura in scala reale con una serie di arredi realizzati attraverso la pratica che l’autore definisce “Riconversione progettuale”: alcuni elementi di arredo urbano vengono riconvertiti in elementi di arredo domestico.
Un sala dedicata alle proiezioni presenta tre film di La Pietra: “Per oggi basta” (1974), “La riappropriazione della città” (1977), “Interventi pubblici per la città di Milano” (1979).
Un’esposizione completa e per molti versi spettacolare, occasione per vedere la molteplicità degli esiti delle ricerche di Ugo La Pietra.

Ugo La pietra a Foligno

Ugo La pietra a Foligno

Ugo La pietra a Foligno

Ugo La pietra a Foligno

Ugo La pietra a Foligno

Cristina Bigliatti
«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d'Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c'è niente che riguarda l'arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *