Architecture

UN MARTEDÌ 21 LUGLIO A MILANO. TRA ARCHITETTURE DELLA LUCE ED ORTI SUI TETTI.

Posted on
Un martedì 21 luglio a Milano. Tra architetture della luce ed orti sui tetti. | Platform Blog

Nonostante la calura implacabile e gli edifici incandescenti, che come sifoni sprigionano aria calda dalle facciate, soprattutto al calar del sole, nonostante l’asfalto risucchi i tacchi delle signore quasi le strade fossero sabbie mobili, Brera non si ferma. La scena del design nella calda Milano, anzi, si accende ancora di più all’interno dei Solis Silos progettati da Mario Nanni, fruibili fino a fine ottobre in Via Solferino, 18.

 

Un martedì 21 luglio a Milano. Tra architetture della luce ed orti sui tetti. | Platform Blog

 

Lo spazio temporaneo di Via Bizzuno (info qui), celeberrima realtà d’eccellenza ravennate nel campo dell’illuminotecnica, diventa teatro di eventi ed incontri per fare cultura della luce, dell’energia, della progettazione e dell’arte. Ospite speciale di questa sera, Kengo Kuma, sala gremita, che assieme a Mario Nanni sottolinea l’importanza dell’utilizzo della luce come materia primaria della progettazione, e subito dopo la conferenza riceve con grande gioia Platform#3, che presenta in copertina proprio il suo ritratto scattato da Piero Martinello.

 

Un martedì 21 luglio a Milano. Tra architetture della luce ed orti sui tetti. | Platform Blog

 

Pochi metri lontano, nella bellissima corte di Via Palermo 1, scopriamo con piacere che l’Orto inaugurato sul tetto dello Studio di architettura Piuarch (info qui) durante il Salone del Mobile, è rigoglioso ed esplode di colore. Un evento inedito chiamato “Flower Power #ortofraicortili” inaugura la fortunata stagione di fiori, frutti e verdure di ogni sorta, in un atmosfera quasi di fiaba nel cuore di Brera, tra i colori vintage dei palazzi che guardano accaldati e curiosi questa oasi verde che è sbocciata proprio tra le loro braccia.

 

Anna Masello
Viaggiatrice dalla nascita, irrequieta e sognatrice. Amo progettare il futuro e creare connessioni tra le persone. Amo le persone che mi sorprendono, amo le persone quando sono un po' folli. Amo l'arte, l'architettura e i processi che portano alla creazione di bellezza vera, di significato e non solo di forma.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *