Architecture

UN RICORDO DI LUCA SCACCHETTI

Posted on
luca-scacchetti

Un giorno Luca, durante un viaggio in auto, mi raccontò che quando era piccolo per un certo periodo fu convinto di poter volare. Profondamente convinto. Tant’è vero che quando saltava un gradino cercava di farlo tenendo il baricentro basso per paura di spiccare il volo.
Ho pensato a lungo a questo aneddoto e oggi ho compreso che in realtà Luca sapeva volare davvero.
La sua poesia, il suo sguardo intenso, la sua voce calda e scadenzata, il suo cuore profondo, la sua intelligenza scintillante, la sua signorilità spontanea lo testimoniavano: qualità uniche, proprie solo di chi ha saputo guardare il mondo da un’angolazione diversa.

Ho amato Luca profondamente e teneramente di un amore fraterno e cristallino.

Porto con me i molti profondi pensieri fatti assieme, le chiacchiere, le giornate spensierate e le risate.

Porto con me i molti consigli che generosamente ha voluto donarmi, le sue letture del mondo, la profondità del suo pensiero, la rivelazione dietro ogni suo gesto anche quotidiano.

Porto con me il suo amore per l’uomo, per il lavoro; il suo candido stupore verso la vita, quel suo modo a tratti quasi ingenuo; ma non era ingenuità la sua; era solo che non aveva smesso di guardare il mondo con gli occhi dei bambini.

Il dolore di non poter più godere della straordinarietà di Luca è oggi un macigno pesante.
Aspetto con pazienza che il dolore lasci spazio alla profonda gratitudine di aver potuto godere dell’affetto e della profonda amicizia di questo uomo meraviglioso.

Ciao Luca, questa volta hai spiccato davvero il volo e ti immagino fluttuare nel cielo, bello e sorridente come in quel bel disegno che mi mostrasti un giorno.
…era vero che sapevi volare.

Simona Finessi
Appassionata di letteratura, un po’ psicologa e interessata all’uomo e alle sue buffe manifestazioni. Una “busy bee” sempre all’opera: stacanovista e maniaca dell’organizzazione; praticamente una rompiballe. Le pubbliche relazioni e lo sviluppo di sinergie per fare network sono la mia cifra. Sicuramente morirò con un bicchiere in mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *