Architecture

UNFINISHED ITALY

Posted on
The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com

“Gli edifici incompiuti hanno il fascino di quello che avrebbero potuto essere. Di quello che non è ancora lì. Di quello che potrebbero essere un giorno”.
(Ispirata a “Le temps en rovine” di Marc Augé)

Stadi senza pubblico, ospedali senza pazienti, teatri senza spettatori.
Edifici in un limbo tra perfezione ed orrore,  a metà della loro costruzione, parte integrante del paesaggio architettonico italiano. Basta guardarsi intorno per vedere quanti edifici incompiuti ci siano, scheletri di cemento senza passato ne futuro che imbruttiscono le nostre città.
E’ l’Italia incompiuta, quella lasciata a metà, quella che attraversa tutto lo stivale da nord a sud, quella fatta di migliaia di cm cementificati, migliaia di euro sprecati che hanno deturpato il nostro paesaggio.

868 strutture incompiute nel bel paese registrate nel 2015.
Partendo dalla Sicilia che «vanta» il triste record di opere fantasma, passando per la Calabria seconda classificata ferma a 93 strutture per poi proseguire in Puglia, in Sardegna e nel Lazio.

 

The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com
Lamezia Terme (CZ), giugno 2013. Il molo della area industriale Sir fu costruito 40 anni fa, mai stato utilizzato, è crollato nel 2012. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

Opere nazionali constate tantissimo come la Città dello sport di Tor Vergata e la linea ferroviaria Matera-Venusio. Opere che registrano un avanzamento dei lavori fermo sotto il 20% e opere finite ma non ancora fruibili.

L’unica risparmiata è la provincia autonoma di Trento dove ci sono zero opere incompiute.

Questo è un viaggio virtuale nello stile architettonico italiano più importante dalla seconda guerra mondiale ad oggi, un tour che potrete scoprire anche attraverso l’anagrafe delle opere incompiute in Italia, anch’essa naturalmente incompiuta, che segna ad oggi 868 opere dal futuro incerto. Rovine, il cui futuro è già passato e il cui presente porta il gusto di un’attesa eterna.

 

The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com
Matera, giugno 2013. La stazione ferroviaria di Matera abbandonata incompiuta dal 1986. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com
Roma, maggio 2013. La Città dello Sport progettata da Santiago Calatrava. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

Per questo viaggio ho scelto due progetti veramente interessanti.
Il primo è “The Unfinished Country” di Angelo Antolino che ha immortalato e raccontato il bel paese incompiuto attraverso le sue splendide fotografie.
Il secondo è invece il trailer del documentario “Unfinished Italy” di Benoit Felici.

 

The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com
Giarre (CT), giugno 2013. Il teatro incompiuto del cosidetto “Centro polifunzionale”. Giarre è la capitale italiana dell’incompiuto. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com
Agnone (IS), giugno 2013. I piloni di una strada incompiuta nel mezzo della campagna. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com
Saline Joniche (RC), giugno 2013. La fabbrica abbandonata della Liquichimica che fu aperta per un solo giorno alla metà degli anni ’70. Avrebbe dovuto produrre bioproteine per animali, ma poi si scoprì che erano altamente cancerogene. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

 

The Unfinished Country by Angelo Antolino | www.angeloantolino.com
Blufi, Palermo – giugno 2013. L’immensa e incompiuta diga di Blufi. La sua costruzione cominciò nel 1990 e i lavori furono sospesi cinque anni dopo. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

Prima fotografia: Milano, giugno 2013. La stazione incompiuta di San Cristoforo progettata negli anni ’80 da Aldo Rossi e Gianni Braghieri. | The Unfinished Country by Angelo Antolino

 

 

Annalisa Guerisoli
Instagram addicted, appassionata di luoghi abbandonati, mi cibo di viaggi e di nutella. Astenersi fan dell’uncinetto e del cucito.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *