Design

vinilico ecologico

Posted on
vinilico ecologico

Il vinilico è un materiale estremamente versatile, apprezzato per la sua flessibilità, il suo calore, la fonoassorbenza, la resilienza, la resistenza all’acqua e le caratteristiche antibatteriche e antiscivolo. Per tutte queste ragioni, le sue applicazioni in edilizia spaziano dal settore residenziale a quello professionale. Gerflor – leader nella ideazione, produzione e commercializzazione di pavimenti e rivestimenti vinilici – offre soluzioni specifiche per diversi segmenti di mercato che vanno dall’edilizia sanitaria e scolastica al retail, dall’industriale allo sportivo, dal residenziale e housing agli uffici e trasporti.
Grazie alle recenti tecnologie, le pavimentazioni viniliche hanno raggiunto un grado di tecnica e di resa estetica estremamente alto, sfatando tutti i pregiudizi che vorrebbero questo materiale “poco naturale” e “dall’aspetto plastico”. Il lancio delle gamme LVT CREATION e VIRTUO ha permesso a Gerflor di offrire un prodotto di alta gamma, in grado di replicare in modo realistico i decori di materiali naturali, quali legno, pietra e minerali.

vinilico ecologico

Il vinilico, in realtà, è a tutti gli effetti un materiale green, dalla nascita allo smaltimento. Gerflor, infatti, si impegna a non utilizzare alcun solvente a base inchiostro, nessun elemento classificato come cancerogeno, niente formaldeide, nessun metallo pesante. L’azienda sta inoltre investendo in materiali biologici: cereali di scarto e alberi provenienti da foreste certificate FSC – Forest Stewardship Council. Gerflor emette nell’aria quantità di VOC (Volatile Organic Compounds) 10 volte inferiori a quanto richiesto dalle normative europee. Il vinilico, inoltre, è l’unico materiale in edilizia che si può riciclare al 100%. Gerflor, infine, produce materiali ecologici con l’obiettivo di ottimizzare l’impatto ambientale ad ogni stadio del ciclo di vita dello stesso.
Per maggiori informazioni visitate il sito di Gerflor.

vinilico ecologico

Cristina Bigliatti
«Sono una persona profondamente superficiale» e «seguo sempre la cosa più facile, perché se è la più facile, allora è anche la migliore». Scrivo d’Arte contemporanea. Dici di non saperne nulla? «Non ti preoccupare, non c’è niente che riguarda l’arte che uno non possa capire». (Andy Warhol)

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *